Giallombardo: "Qui fumo ci cova !"

 

L'attività degli alunni dell' Istituto statale d'arte fiorentino si estende attraverso un campo vastissimo che spazia dai soggetti più conosciuti e caratteristici di questa attività come il manifesto murale, fino alla creazione delle pagine Web in Internet. Ecco, allora, che assieme alle immagini tratte dagli audiovisivi, può essere utile osservare come i ragazzi se la cavano con la matita e i pennelli, oltre che con il computer, per dare vita a realizzazioni i cui temi sono scelti nell'ambito del sociale, considerando quegli aspetti spesso non correttamente valutati che interessano direttamente la nostra esistenza, con tutte le scelte, spesso sbagliate, operate in svariate circostanze ed in vari campi delle nostre attività. Molti lavori sono stati presentati al pubblico in svariate mostre e concorsi ed hanno conseguito riconoscimenti e premi. Alla radice di ogni lavoro c'è la ricerca metodologica basata sull'analisi accurata e approfondita del tema trattato e sul successivo sviluppo dell'idea che trova nel metodo associativo il suo fulcro progettuale. Non può nascere, infatti, una buona progettazione se alla base non viene applicata una corretta metodologia che stimoli e faciliti la nascita di idee non viziate dalle banalità così comuni nei lavori scolastici non bene impostati. Tutto ciò si ottiene con lo studio della psicologia della comunicazione, con la conoscenza delle possibilità offerte dalla lingua nel ricercare i rapporti tra parola e immagine, nell'approfondimento delle regole di un corretto assemblaggio degli elementi compositivi. La prima immagine mostra un manuale ideato e redatto dall'Autore e pubblicato da Phasar.it, che spiega ed illustra con molti esempi le tappe di una corretta applicazione metodologica.

Guido Biagioni, per la Lega anti-tumori

Giulia Storniolo, campagna rondini

il libro

mela stregata

rondini

video premiati