È stata dura! Anni di lavoro "extra", telefonate, petizioni, manovre, incontri e scontri, lettere, spiegazioni, dimostrazioni, delusioni... Ma alla fine la stazione di EDITING ELETTRONICO NON LINEARE la Sezione di Grafica Pubblicitaria dell’Istituto d’arte di Firenze, l' ha avuta; e senza gravare sul bilancio della scuola, grazie a due finanziamenti da parte di Legambiente e del Quartiere quattro di Firenze, nelle persone di Anna Autiero ed Eros Cruccolini, splendidamente impegnate in una lotta contro l’idiozia imperante della burocrazia, della miopia senza speranza di persone più o meno "influenti", attentissime agli aspetti più sconsolatamente retrivi, inutilmente operose nel rispettare le più minute prescrizioni di leggi borboniche, veri e propri trabocchetti per coloro che vogliono veramente fare qualcosa per la Scuola, per i giovani. Che importa se nessuno si accorse che una parte almeno della Scuola italiana era ancora viva e vitale ? Eppure, nelle paludi del permissivismo imperante, delle esasperate "attenzioni" ai diritti e nella generale trascuratezza dei doveri, ancora si muoveva qualche raro animale che non credeva che le strombazzate riforme, vecchie e nuove, fossero realmente passi avanti, ma solo espedienti per non cambiare assolutamente nulla. Per una volta, con due primi lavori portati avanti con convinzione e tenacia, lottando contro ottusità e malevolenze, i giovani grafici pubblicitari Tommaso Nannucci e Guido Biagioni, entrambi ora impegnati professionalmente in questo campo, dettero vita a due spots di trenta secondi che sono stati apprezzati e premiati, utilizzando l’attrezzatura personale dell’insegnante, messa a loro disposizione nelle ore libere da impegni scolastici. In particolare lo spot realizzato per Legambiente sulla manifestazione "Cento strade per giocare" ottenne il primo premio al festival interregionale/internazionale di Pordenone ed è stato premiato anche dalla stessa Legambiente nell’ambito di una felice iniziativa volta a stimolare la crescita di una coscienza ambientale ed umana negli studenti. A questi traguardi si aggiunse il riconoscimento del Comune di Firenze che volle concedere un consistente premio in denaro che, unitamente a quello dell’Istituzione ambientalista, permise l’acquisto di una "velocissima" stazione di editing non lineare per la realizzazione elettronica di opere audiovisive, immediatamente usata per creare altri spots  per un concorso organizzato dal SERT (Servizio Tossicodipendenze) dell’Ospedale di S. Maria Nuova di Firenze. Mica male per una Scuola che era considerata priva di iniziative, stagnante e sorpassata!

In tutto la Sezione di Grafica pubblicitaria dell' Istituto d' arte di Firenze incassò la bella cifra (per quei tempi) di oltre 30.000.000 lire! Di seguito sono elencati i premi ottenuti tra il 1997 e il 2005:

1° PREMIO al Festival internazionale "Cinema&Scuola" di Pordenone con lo spot "100 strade per giocare", di Tommaso Nannucci, teletrasmesso da varie emittenti.

1° PREMIO al concorso indetto dal SER.T dell' Ospedale S.M. Nuova: lo spot "L'ecstasy non è una caramella" di Sara Mannuzzi incassò da solo 4 milioni di lire e fu utilizzato dall' USL di Sesto Fiorentino su tre emittenti per altrettanti mesi.

1° PREMIO al Festival internazionale "Cinema&Scuola" di Pordenone con lo spot "Una croce sull'ecstasy" di Leonardo Bianchi.

1° PREMIO al Festival internazionale "Cinema&Scuola" di Pordenone con lo spot "Silenzio: diamo voce alla pace !" di Naira Gigli e Riccardo Pettignano.

2°PREMIO ex equo"Signor Rossi" al festival del Cinema d' animazione di "Rimini Cartoon", con gli audiovisivi realizzati dalla 5° L sul tema "Droghe Leggere". Nella giuria, Osvaldo Cavandoli, celebre animatore ( "La linea").

BORSA DI STUDIO di £ 2.000.000 acquisita da Mandis Charomonte con un video sulla "Tortura", presso la Regione Toscana, consegnatagli dal Presidente e dal Provveditore agli Studi di Firenze.

1° PREMIO, telecamera digitale, al concorso ENEL "ENERGIA IN GIOCO", alunna Lucia Martorana con il video "Stacca la spina".

A tutto ciò si deve aggiungere un ASSEGNO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, Azeglio Ciampi, in risposta ad una lettera degli alunni della Sezione.

Voglio ricordarlo, non tanto per me, ma per evidenziare una realtà amara che non mancò di avvelenare i rapporti tra il "ponte di comando" dell' Istituto e gli studenti in questione: nessuna comunicazione, nessun elogio, nessun riconoscimento fu trasmesso né al prof. Sciuto, né agli alunni per quanto fatto. Tutto passò nel più assordante silenzio e nella più "divina" e completa indifferenza...

Ci sarebbero tante cose da dire su come l' Istituzione scolastica viene gestita, oggi come ieri; ma si tratta di un problema di ben più vaste proporzioni che é troppo riduttivo trattare parlandone solo in alcune occasioni e per alcune realtà. Resta il fatto che troppo spesso NON ESISTE LA REALE VOLONTA' DI RICONOSCERE L' IMPEGNO DI COLORO CHE LAVORANO GUARDANDO AL DI LA' DEI MERI INTERESSI ECONOMICI, e quando non è così, quasi certamente il riconoscimento DEVE essere inquadrato in rigide quanto scellerate procedure che tengono conto esclusivamente di quanto sia gradito o meno tale impegno agli occhi di coloro che, purtroppo anche oggi, vengono temerariamente messi ai posti di comando seguendo le stesse procedure, da altri "burosauri"... Per fortuna, queste immagini ed una imponente mole di documenti ad esse relativi, sono la testimonianza di quanto affermato.

 











Cerimonia di premiazione per lo spot di Lucia Martorana alla sede ENEL di Firenze

 

 

Il premio Signor Rossi
al festival del Cinema d' animazione di "Rimini Cartoon"

altre realizzazioni animate
pagine Web